Sabato, 06 Dicembre 2014 00:00

☆ JAZZ FLASH ☆ PREMIO PIPPO ARDINI ☆

I vincitori della V Edizione del Premio Pippo Ardini 2014 sono:

  • SEZIONE 1 STUDENTI: GIORGIA ROMEO - Istituto Comprensivo Statale Vittorio Emanuele III di Palermo
  • SEZIONE 2 GRUPPI E SOLISTI INDIPENDENTI: INDIAN JAZZ TREEO - Valerio Rizzo (pf) Stefano India (bs) - Paolo Vicari (batt)
  •  SEZIONE 3CANTANTI AUTONOMI: FRANCESCA CARUSO
  • PREMIO TUSCIA IN JAZZ MIGLIOR GRUPPO: INDIAN JAZZ TREEO
  • PREMIO TUSCIA IN JAZZ MIGLIOR SOLISTA: SALVATORE NEGLIA (tb) - Istituto Comprensivo Barbera - Caccamo
  • PRIMO PREMIO ASSOLUTO: INDIAN JAZZ TREEO

seguono tutte le recensioni

Marco Girgenti Meli

Giovedì, 04 Dicembre 2014 00:00

☆ JAZZ CINEMA ☆

The Jazz Singer (1927)

  

Titolo originale

The Jazz Singer

Paese di produzione

Stati Uniti d'America

Anno

1927

Durata

88 min

Colore

B/N

Audio

sonoro

Rapporto

1.33:1

Genere

musicale, drammatico

Regia

Alan Crosland

Soggetto

Samson Raphaelson

Sceneggiatura

Alfred A. Cohn

Casa di produzione

Warner Bros.

Distribuzione(Italia)

Anonima Pittaluga (1929)

Fotografia

Hal Mohr

Montaggio

Harold McCord

Effetti speciali

Nugent Slaughter

Musiche

James V. Monaco

 

Interpreti e personaggi

da By Night Jazz

Lunedì, 01 Dicembre 2014 00:00

☆ JAZZ PLACES ☆

BOSTON - BERKLEE COLLEGE OF MUSIC


 Scuola di musica fondata nel 1945 da Lawrence Berck, allievo di Joseph Heinrick Schillinger, compositore classico interessato al jazz (suoi allievi furono pure Goodman, Gershwin, Miller) situata nei pressi di Boston. Per l'originalità del suo insegnamento, ma anche per la qualità dei suoi insegnanti e di qualcuno dei suoi allievi, la scuola è stata per lungo tempo modello e leader nell'ambito dell'insegnamento del jazz. L'insegnamento del Berklee College, è basato su un ciclo di studi segmentato secondo sei categorie generali: lavoro d'insieme (piccoli gruppi o big band), improvvisazione, tecniche della prova, lavoro delle tastiere, composizione e arrangiamento, storia del jazz.


 Indirizzo: Boston, MA 02215, Stati Uniti Telefono:+1 617-266-1400


 da By Night Jazz

 

Venerdì, 28 Novembre 2014 00:00

☆ JAZZ BIRTHDAY ☆

Giovedì, 27 Novembre 2014 00:00

La Storia del Brass Group in Fotografia

Nel 1974, un gruppo di appassionati di jazz fondò il Brass Group. Da quel giorno, sul palco di quella che è oggi una fondazione riconosciuta dalla Regione Siciliana, sono passati tutti i migliori musicisti che hanno fatto la storia del genere. Da Chet Baker a Charles Mingus, passando per Frank Sinatra, solo per citarne alcuni, non c’è pietra miliare che manchi all’appello. Quelle note, quel sound così magico, sono state la fonte d’ispirazione per un diario fotografico che racconta le gesta di una fondazione che crede nel potere benefico della musica e, insieme, mette nero su bianco le emozioni di musicisti e spettatori. La magia di questi scatti sta nella capacità di proiettare chi guarda proprio sul palco, di far vivere direttamente l’energia e le note di un concerto. Guardandole, ci si sente al fianco dei musicisti, con il loro sound e nelle loro stanze creative. Le stanze del jazz.

Tate, Ray Brown, Milt Jackson e Monty Alexander nel 1980

Grady Tate, Ray Brown, Milt Jackson e Monty Alexander nel 1980

INFO UTILI

La Mostra

La mostra, visitabile ad ingresso gratuito dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 15, contiene le foto scattate da uno dei fondatori del Brass, Luigi Giuliana, che in anni di lavoro fotografico ha "catturato" le esibizioni di pietre miliari quali Dexter Gordon, Miles Davis, Chat Baker e Dizzy Gillespie. Gli scatti esposti sono oltre settanta, di una disarmante intimità e consentono di "sentire" emotivamente vicini i grandi artisti che hanno regalato al Brass momenti di grande jazz.

L’autore

Luigi Giuliana, ingegnere, appassionato di jazz, è uno dei fondatori del Brass Group. Il suo lavoro fotografico è un personalissimo diario che contiene tutti gli ingredienti del genere: emozioni, la libertà esecutiva e creatività dei musicisti. Il tutto da un privilegiato e vicino punto di vista.

Indirizzo

Via dello Spasimo, 15 - Palermo

 

Marco Girgenti Meli per The Brass Group

 

 

 

Giovedì, 27 Novembre 2014 00:00

90100 GUITAR DUO

90100 GUITAR DUO - 5.0 out of 5 based on 1 vote

90100 GUITAR DUO

Il progetto 90100 Guitar Duo nasce da un'idea dei chitarristi palermitani Nicolò Renna e Antonino Argento; l'intento è quello di proporre un repertorio che predilige composizioni di autori moderni e contemporanei, favorendo l'esposizione di un linguaggio cameristico nuovo e all'avanguardia.
I due musicisti si proiettano nel panorama cameristico scegliendo accuratamente composizioni originali che possano mettere in risalto le loro
peculiarità musicali e allo stesso tempo si occupano di arrangiare brani che non fanno parte esclusivamente del repertorio chitarristico, inserendo degli elementi timbrico/espressivi che caratterizzano la loro musicalità; ne è un esempio il Violentango di Astor Piazzolla.
Attualmente si dedicano alla ricerca di nuovi spunti compositivi che derivano da un confronto di idee che nascono quasi sempre da un lavoro di improvvisazione sullo strumento, sviluppando un modo personale ed originale di fare musica.
La formazione classica del Conservatorio, unita ad un percorso di esperienze che hanno visto i due musicisti coinvolti in generi musicali come l’etno/jazz e la bossanova, hanno avvicinato i due chitarristi ad una dimensione musicale decisamente spontanea e perfettamente in linea con il loro estro artistico.

 

Libertango (A.Piazzolla)

 

Marco Girgenti Meli per Nicolò Renna

info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giovedì, 27 Novembre 2014 00:00

90100 GUITAR DUO

Mercoledì, 26 Novembre 2014 00:00

Giacomo Tantillo conduce By Night Jazz

"By Night Jazz" - Puntata #13 del 28.11.2014

diretta streaming su http://tunein.com/radio/Radio-In-102-1020-s199811/

Domenica, 23 Novembre 2014 00:00

The Brass Group, la rinascita.

FondazioneThe Brass Group

La Fondazione The Brass Group di Palermo riparte dal suo fiore all’occhiello, l’Orchestra Jazz Siciliana, per festeggiare la sua nuova stagione concertistica (dopo il finanziamento ricevuto dalla Regione) e rilanciare con forza l’importanza della produzione musicale dell’Orchestra nell’ambito jazzistico.

Da dicembre e sino al prossimo aprile, al Ridotto dello Spasimo di Palermo suonerà più volte e con programmi di volta in volta differenti l’ensemble di professionisti che in quarant’anni ha tenuto alto il nome della Fondazione.

Ma non c’è solo l’Orchestra. Il 28 novembre il Blue Brass dello Spasimo riaprirà i battenti con gli ormai mitici suoni del flicornista Vito Giordano, con Carmen Avellone ospite vocale (replica il 29).

A parte l’anteprima, l’inaugurazione della stagione è prevista venerdì 5 dicembre, con replica sabato 6 dicembre e sino al prossimo aprile con l’Orchestra della Fondazione, diretta da Domenico Riina, con il programma “I migliori brani della nostra vita”.

Suonerà così quasi tutte le settimane e con programmi di volta in volta differenti l’ensemble di All Stars della Fondazione. Emblematico il titolo della produzione “Promises, Promises” dedicata a Burt Bacharach che Lucia Garsia interpreterà dal 27 dicembre.

A seguire, riprendendo dalla bellissima Monica Guerritore le celebri interpretazioni di Judy Garland, andrà in scena, con la voce di Carmen Avellone, la produzione orchestrale dal titolo “Over The Rainbow”.

In aprile, è previsto invece “Vieni via con me”, il personale omaggio che Sal Pizzurro dedicherà a Paolo Conte, Renato Carosone e allo swing di Louis Prima.

Lo Spasimo, oltre all’Acoustic Trio di Diego Spitaleri e altri gruppi, ospiterà le produzioni cameristiche di alcuni musicisti che hanno aderito al progetto denominato “The Resident of the Brass musicians”. Un protocollo d’intesa sottoscritto con alcuni musicisti residenti nel territorio siciliano, volto a presentare in esclusiva allo Spasimo le loro produzioni cameristiche. Hanno aderito al protocollo, Carmen Avellone, Roberto Brusca, Giuseppe Costa, Bepi e Lucia Garsia, Mimmo La Mantia, Ruggiero Mascellino, Sal Pizzurro e i direttori Vito Giordano, Antonino Pedone e Domenico Riina.

Per non rinunciare del tutto alla grande tradizione, che a Palermo negli anni 1970/1990 aveva avuto una funzione informativa e formativa, il Brass vuole continuare a indagare su nuove proposte, curiosità, novità e progetti che difficilmente approderebbero nell’isola. Come il concerto che vedrà protagonista Chris Jarrett (12 e 13 dicembre). Sarà pure un luogo comune, ma se serve per definire un talento, un’idea, la grandezza di un pianista “monstre”, ecco allora che ci può stare la presentazione come “fratello minore di Keith Jarrett. Ad accompagnare, si fa per dire, Chris Jarrett al piano, il violinista Luca Ciarla. Tanto bravo, bravissimo, da non poterlo definire mai spalla. Un’ora e mezzo di incanto allo stato puro con un piano e un violino e i due musicisti che con le loro dita daranno vita a un evento unico.

“Ripartiamo alla grande, da ciò che ci condanna: l’unicità. Ovvero, il nostro “group” di produzione musicale, l’Orchestra Jazz Siciliana, unico di jazz in Sicilia insieme al Teatro Massimo di Palermo, al Bellini di Catania, all’Orchestra Sinfonica Siciliana ed al Vittorio Emanueleafferma il presidente della Fondazione, Ignazio Garsia – e poi, se fioriscono tante iniziative di jazz, queste vanno ascritte al successo, alla bellezza e alla musica che il Brass sa esprimere”.

COMUNICATO STAMPA FONDAZIONE THE BRASS GROUP PALERMO 20.11.14

Pagina 2 di 3