Recensione “A Different Truth” di “T-Riot”

Vota questo articolo
(0 Voti)

T-Riot

Etichetta discografica: Albore Jazz

Anno produzione: 2017

Un sound caldo e un groove assai avvolgente corroborati da un’intensa energia comunicativa. A Different Truth è il nuovo capitolo discografico concepito da T-Riot, formazione costituita da Pietro Vincenti (pianoforte e tastiere), Camillo Pace (contrabbasso) e Francesco Lomagistro (batteria). Il CD consta di dieci brani, di cui quattro frutto dell’ingegno compositivo di Vincenti (Desert Highway, Pharaoh of Love, Sad Devil e St Petersburg Train), The Long Goodbye autografata dal pianista insieme a Pace e Lomagistro, mentre I Wish I Knew It Would Feel to Be Free (Bill Taylor), Libra (Gary Bartz), Sign of the Times (Prince), Stay with Me (Sam Smith) e Willow Weep for Me (Ann Ronell) completano la tracklist. Il climax di Pharaoh of Love è carezzevole, rassicurante. L’eloquio di Pace è una perfetta miscellanea di nerbo espressivo e senso melodico. Vincenti dà vita a un’elocuzione diamantina, cantabile, pregna di un inebriante bluesy mood, sostenuta dal comping incalzante ed estremamente efficace cesellato da Lomagistro. Sad Devil brilla per l’atmosfera tensiva del tema, locupletata da alcuni interessanti intarsi armonici architettati dal pianista. A Different Truth è un album di facile appeal, che occhieggia manifestamente a svariati stilemi musicali, in cui la melodia è l’autentica colonna portante di un disco irrefutabilmente piacevole.

Stefano Dentice