Recensione “Suite pour le piano for Jazz Quartet” di “Dino Massa Quartet”

Vota questo articolo
(1 Vota)
Recensione “Suite pour le piano for Jazz Quartet” di “Dino Massa Quartet” - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Dino Massa Quartet

Etichetta discografica: Losen Records

Anno produzione: 2017

Fascinazioni che evocano vagamente apollinei paesaggi del Nord Europa, descritti attraverso un toccante candore espressivo. Suite pour le piano for Jazz Quartet è la nuova creatura discografica firmata Dino Massa Quartet, raffinata formazione costituita da Nicola Pisani (sax soprano e sax baritono), Dino Massa (pianoforte), Luca Garlaschelli (contrabbasso) e Alessandro Rossi (batteria). La tracklist prevede quattro composizioni originali, nello specifico delle suite, partorite dall’ubertosa mente del leader. Suite n°1 è un brano che conquista all’istante, specialmente dal punto di vista emozionale. L’incedere di Pisani è inebriante, adornato da un intenso trasporto emotivo. Massa tesse un eloquio vibrante, sostenuto dal comping assai energico cesellato dalla coppia Garlaschelli-Rossi. Da Suite n°3 sgorga un abbagliante lirismo che lascia il segno. Qui il sassofonista si esprime con un nerbo comunicativo di forte impatto, impreziosendo la sua elocuzione di veementi scorribande cromatiche. Il pianismo di Massa è verace, impetuoso, dal tocco particolarmente incisivo. In Suite n°4, trascinante brano up-tempo che si snoda successivamente attraverso un andamento latin, il pianista snocciola un fraseggio guizzante, talvolta serrato, ornato da un timing incalzante. Il playing di Pisani è adamantino, fluttuante. Suite pour le piano for Jazz Quartet è un album meritevole di alta considerazione, dal quale trasuda una naturale inclinazione per la melodiosità prettamente europea, in cui i quattro protagonisti non obliano completamente i fondamentali riferimenti della tradizione jazzistica.

Stefano Dentice