Recensione “Groovin’ Up!” di “Claudio JR De Rosa 4et”

Vota questo articolo
(0 Voti)

Claudio JR De Rosa Jazz 4et

Etichetta discografica: Incipit Records

Anno produzione: 2017

Groove, secchiate di swing, nerbo comunicativo e raffinatezza, alcune fra le principali peculiarità del jazz afroamericano, confluiscono sinergicamente in Groovin’ Up!, il nuovo capitolo discografico firmato Claudio JR De Rosa Jazz 4et, brillante quartetto costituito da Claudio JR De Rosa (sax soprano e sax tenore), Xavi Torres Vicente (pianoforte), Kimon Karoutzos (contrabbasso) e Augustas Baronas (batteria) al quale si aggiunge, in qualità di guest, Vivienne ChuLiao (pianoforte in Dear Brigitte). I nove brani che formano la tracklist scaturiscono dalla feconda penna del leader, eccezion fatta per I Hear a Rhapsody (George Fragos, Jack Baker e Dick Gasparre). Ja-Ma-La-Ma! è un fiammante brano up-tempo. Il playing di Xavi Torres Vicente è assai intenso, ornato da alcuni preziosismi armonici. De Rosa dà vita a un eloquio torrenziale, spigliato, debordante di energia espressiva. Il climax di The Case è ammantante. Qui l’incedere del sassofonista è sussultante, colmo di repentini sprint cromatici e ingemmato da cenni di sheets of sound. Torres Vincente cesella un sermone inebriante, impreziosito da un tocco marcato e sostenuto puntualmente dal costrutto ritmico sobillante intessuto dal tandem Karoutzos-Baronas. Interlude è una ballad struggente, suggellata da un mood lunare. In questa composizione il quartetto punta tutto su dinamica, finezza e accuratezza dei suoni. Groovin’ Up! è un album di pancia, completamente e fortunatamente scevro di effetti iperbolici, in cui l’idioma jazzistico viene declinato con gioia, vocazione e convinzione.

Stefano Dentice