Recensione “Rain beat” di Mimma Pisto/Mecco Guidi/ Daniele Santimone/Chicco Capiozzo

Vota questo articolo
(0 Voti)

Mimma Pisto/Mecco Guidi/Daniele Santimone/Chicco Capiozzo

Etichetta discografica: To Be Jazz

Anno produzione: 2017

Un groove sempre presente e molto ben definito che si congiunge magneticamente con un sound di forte impatto e con un’irrefutabile godibilità d’ascolto. Rain beat è la nuova realizzazione discografica firmata Mimma Pisto (voce), Mecco Guidi (organo hammond e pianoforte), Daniele Santimone (chitarra) e Chicco Capiozzo (batteria), ai quali si aggiungo come guest Alessandro Scala (sax tenore in Flyin’ like a Butterfly, Rain beat e Groove’n L.A.), Federico Tassani (trombone in Flyin’ like a Butterfly, Rain beat, Groove’n L.A.), Stefano Serafini (tromba in Flyin’ Like a Butterfly, Rain beat, Groove’n L.A.), Pasquale Mirra (vibrafono in Minas Gerais e Groove’n L.A.), Luca Florian (percussioni in Flyin’ like a Butterfly, Minas Gerais, Rain beat, Groove’n L.A.), Gionata Costa (violoncello in Knock on my lonely dayto Sissi Leonardo & Giacomo), Andrea Costa (violino in Knock on my lonely day – to Sissi Leonardo & Giacomo) e Sara Galli (flauto in Minas Gerais). I nove brani che compongono la tracklist sono frutto della vena compositiva di Pisto, Guidi, Santimone e Capiozzo, con i testi scritti da Mimma Pisto e Veronica Farnararo. Il pimpante jazz-samba Minas Gerais è decisamente ammiccante. Qui la vocalist interpreta il brano con brio, supportata dal comping ricco e altamente efficace intessuto da Guidi, Santimone e Capiozzo. Il suadente andamento funky di You can feel it rapisce immediatamente l’attenzione dell’ascoltatore. Daniele Santimone dà vita a un eloquio sinuoso, cadenzato con sagacia, permeato di numerose inflessioni bluesy e fugaci cenni di out playing. L’eloquio di Guidi deborda di blue notes ed è adornato da alcune repentine accelerazioni cromatiche. Doctor love è un fascinoso brano mid-tempo. Lo scat singing di Mimma Pisto è ritmicamente intrigante. Rain beat è un album stilisticamente policromatico, che abbraccia latin jazz, funk, jazz, in cui non mancano colorazioni tendenti allo smooth jazz. Un disco che può fungere da piacevole colonna sonora durante un lungo viaggio a bordo di una cabrio.

Stefano Dentice