Recensione “Sfarinati Di Cereali Per Alimentazione Umana” di “Musica Ex Machina”

Vota questo articolo
(0 Voti)

Musica Ex Machina

Etichetta discografica: Hopetone Records

Anno produzione: 2016

Una solarità comunicativa e un mood scanzonato che si fondono in modo alchemico, creando un mix decisamente coinvolgente. Sfarinati Di Cereali Per Alimentazione Umana è il nuovo capitolo discografico griffato Musica Ex Machina, bizzarro quartetto costituito da Francesco Bakis (tromba), Guido Coraddu (pianoforte e piano elettrico), Mauro Sanna (basso) e Simone Sedda (batteria). Nel CD sono presenti dodici brani frutto dell’estro compositivo di Coraddu. Pazza Palla si apre con un vamp accattivante ed efficace. Qui il quartetto brilla per un’ottima amalgama sonora particolarmente avvolgente. KJC è un brano distensivo, rasserenante. L’incedere di Coraddu è leggiadro, carezzevole, impreziosito da un tocco vellutato. L’eloquio cesellato da Bakis è esotico e sinuoso, adornato da un suono suadente. Le colorazioni latineggianti di Buttermoon Swing sono ammiccanti. Il sermone del trombettista è guizzante, colmo di venature tipiche della musica mediterranea. Sfarinati Di Cereali Per Alimentazione Umana è un album faceto, dal quale trasudano forti richiami al jazz fusion. È un disco debordante di un groove sempre incisivo e accentuato che si interseca amabilmente con una briosa musicalità, due caratteristiche ben definite che rappresentato il vero leitmotiv di questo brillante progetto.

Stefano Dentice