Recensione “Roots On Top” di “Walk Tall”

Vota questo articolo
(1 Vota)
Recensione “Roots On Top” di “Walk Tall” - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Walk Tall

Etichetta discografica: A.MA Records

Anno produzione: 2016

Un’ondata di energia comunicativa che si fonde in maniera alchemica con un sound sempre ben presente e assai incisivo. Roots On Top è la nuova realizzazione discografica firmata Walk Tall, formazione costituita da Enric Peinado (chitarra), Gilles Estoppey (pianoforte), Giampaolo Laurentaci (contrabbasso) e Tjin Jans (batteria). Gli otto brani che formano la tracklist scaturiscono dall’acume compositivo di Peinado, Laurentaci ed Estoppey. L’andamento fortemente incalzante di Sirena (Enric Peinado) è alquanto contagioso. Peinado sviscera un eloquio dal quale trasuda un intrigante bluesy mood, sostenuto dal costrutto ritmico ricco e policromatico cesellato da Jans. Il climax distensivo e onirico di Unfair (Gilles Estoppey) infonde un apollineo senso di pace interiore. Il sermone di Peinado è romantico, centellinato con sapienza e gusto. Estoppey dà vita a un’elocuzione sobria, rarefatta, ingemmata da un tocco fatato. Cap De Creus (Giampaolo Laurentaci) è un brano etereo. Qui Laurentaci si esprime attraverso un incedere cantabile, lirico, debordante di pathos. Ideato in solco contemporary jazz, Roots On Top è un disco brillantemente variegato, colmo di svariate colorazioni stilistiche che lo rendono particolarmente stimolante.

Stefano Dentice