Recensione “An Italian Tale” di Antonino Cicero e Luciano Troja

Vota questo articolo
(1 Vota)
Recensione “An Italian Tale” di Antonino Cicero e Luciano Troja - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Antonino Cicero e Luciano Troja

Etichetta discografica: Almendra Music

Anno produzione: 2016

Librarsi liberamente nell’etere senza una meta prefissata, in un viaggio immaginifico che regala sensazioni apollinee. An Italian Tale è la nuova creazione discografica generata da Antonino Cicero (fagotto) e Luciano Troja (pianoforte). I dieci brani contenuti nel CD sgorgano dalla feconda e nobile materia grigia di TrojaAn Italian Tale, prima traccia del disco, pullulante di preziosismi armonici, rappresenta una magica cura per lo spirito. Il regale playing di Cicero è avvolto da una coltre permeata di abbagliante lirismo. Il climax onirico di Rose è particolarmente toccante. Antonino Cicero cesella delle linee carezzevoli, colme di gusto e grazia interpretativa. Il mood ascetico e melanconico di Bici scava nel profondo dell’anima. Il pianismo di Troja è sobriamente declamatorio e altamente efficace. Da Nel Vento trasuda un senso poetico ed estetico lodevole. Qui il fagottista e il pianista intessono un dialogo intensamente descrittivo e narrativo. An Italian Tale è un album rigenerante, per nulla pedissequo, debordante di chiari riferimenti alla musica eurocolta, denso di colorazioni impressioniste, in cui struggente cantabilità e signorile melodiosità sono sacre come reliquie.

Stefano Dentice