Recensione “Introducing Coco ‘n’ The Fellas” di “Coco ‘n’ The Fellas”

Vota questo articolo
(2 Voti)
Recensione “Introducing Coco ‘n’ The Fellas” di “Coco ‘n’ The Fellas” - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Coco ‘n’ The Fellas

Etichetta discografica: Autoprodotto

Anno produzione: 2016

Lo spirito tzigano che alberga nei cromosomi dei Coco ‘n’ The Fellas, brillante formazione costituita da Ami Oprenova (voce), Daniele Ciuffreda (chitarra), Joe Perkins (chitarra) e Havard Tanner (contrabbasso), rappresenta la luce guida attraverso la quale rivisitare alcune memorabili pietre miliari appartenenti all’immensa tradizione jazzistica. La tracklist di Introducing Coco ‘n’ The Fellas, nuova realizzazione discografica siglata dal quartetto, si compone di cinque brani che portano la prestigiosa firma di Fats Waller, Kenny Wheeler, Norah Jones, Duke Ellington e Chick Corea. La spassosa Honeysuckle Rose (Fats Waller-Andy Razaf) esalta la limpidezza timbrica e il godibile bluesy mood di Ami Oprenova. Qui Ciuffreda intesse un eloquio pacato, essenziale, impreziosito da intriganti blue notes. Tanner sviscera un’elocuzione cantabile, adornata da un suono cavernoso e possente. In Caravan (Duke Ellington-Juan Tizol), storico standard altamente ipnotico ed esotico, Perkins si contraddistingue per il suo metronomico ed incalzante comping. Armando’s Rhumba (Chick Corea) è una composizione decisamente vibrante. La cantante snocciola un trascinante vocalese e uno sgargiante scat singing in cui, con ottima padronanza tecnica, adopera il falsetto. Ciuffreda, Perkins e Tanner la sostengono impeccabilmente con una ritmica tetragona. Introducing Coco ‘n’ The Fellas è un album assai piacevole dal quale sgorga un amore profondo per lo swing manouche che, con le sue inconfondibili peculiarità espressive e le sue accattivanti colorazioni, dona una veste diversa al jazz d’annata.

Stefano Dentice