Fred Wesley “Generations” live al “The Empty Space” di Molfetta

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il trio diretto dal noto trombonista jazz statunitense in concerto domenica 17 gennaio alle ore 21

Un’inaugurazione del nuovo anno con i fiocchi per il “The Empty Space” di Molfetta (Piazza Effrem – 11), che domenica 17 gennaio, alle ore 21, ospiterà un trio d’eccezione, Fred Wesley “Generations”, costituito da Fred Wesley (trombone), Leonardo Corradi (organo hammond) e Tony Match (batteria). Questa peculiare formazione nasce inizialmente con l’intendo di rendere omaggio a Jimmy Smith, uno tra i più grandi organisti jazz di tutti i tempi, per poi snodare il discorso musicale verso stilemi più moderni avvalendosi dell’elettronica. In possesso di un esplosivo groove, manifestamente incline al funk e dotato di un fraseggio madido di inebrianti blue notes, Wesley è uno tra i trombonisti più rappresentativi della scena jazzistica mondiale. Nel suo sterminato curriculum figurano collaborazioni eccellenti al fianco di vere e proprie stelle della musica internazionale come James Brown, Ray Charles, Lionel Hampton, Maceo Parker, Randy Crawford, George Clinton, Van Morrison e moltissimi altri ancora. Corradi è uno tra le promesse più fulgide del jazz tricolore. Il suo playing è altamente adrenalinico e trascinante. Grazie al suo talento, ormai acclarato, colleziona una pletora di collaborazioni con jazzisti del calibro di Dave Liebman, Antonio Sanchez, Ulf Wakenius, Kurt Rosenwinkel, Rick Margitza, Abraham Burton, Eddy Palermo, Rosario Giuliani, solo per citarne alcuni. Estremamente eclettico, in grado di affrontare con eguale perizia tutti gli stili del jazz, Match è un batterista particolarmente richiesto e stimato per le sue preziosi doti di sideman. Nell’arco della sua brillante carriera ha condiviso il palco e lo studio di registrazione con svariati giganti, tra cui: Charlie Haden, Richard Galliano, Gonzalo Rubalcaba, Randy Brecker, Lionel Loueke. Un trio di alto livello pronto a garantire spettacolo, fortemente voluto da Andrew Sheldon e Roberta Bini, con la fondamentale collaborazione del promoter Ignazio De Stena. Il concerto sarà presentato da Alceste Ayroldi, uno tra i più autorevoli critici musicali italiani.

Stefano Dentice