“Eres Quartet” in concerto al “Bar Italia Jazz Club” di Cassino

Vota questo articolo
(1 Vota)
“Eres Quartet” in concerto al “Bar Italia Jazz Club” di Cassino - 5.0 out of 5 based on 1 vote

“Eres Quartet” in concerto al “Bar Italia Jazz Club” di Cassino

L’appuntamento è per sabato 17 ottobre, alle ore 22:00

Sabato 17 ottobre, alle ore 22, il Bar Italia Jazz Club di Cassino (Corso della Repubblica106) sarà lo scenario del concerto griffato Eres Quartet, un’iridescente formazione costituita da: Emilio Silva Bedmar (sax soprano e sax tenore), Enzo Grimaldi (piano), Sergio Fusaro (contrabbasso) e Romolo Feola (batteria). Questo quartetto spicca per sopraffina poliedricità stilistica e coinvolgente verve comunicativa. Il repertorio sarà imperniato su alcuni intramontabili standard della tradizione jazzistica unitamente a svariate composizioni originali siglate dai componenti della formazione. Fluidità di fraseggio e naturalezza espressiva rappresentato i tratti distintivi del playing di Emilio Silva Bedmar. Grazie al suo talento ha l’opportunità di condividere il palco con numerosi jazzisti di prestigio, tra i quali: Fabrizio Bosso, Pippo Matino, Pietro Condorelli, Sergio Di Natale, Alberto D’Anna, Gianfranco Campagnoli. Pianista eclettico, particolarmente incline al latin jazz e fine accompagnatore, Grimaldi colleziona diverse collaborazioni significative con musicisti come: Fabio Rotondo, Nicla Di Meola, Simona Boo e tantissimi altri ancora. Contrabbassista assai affidabile ritmicamente, Fusaro ha al suo attivo una pletora di collaborazioni con jazzisti del calibro di: Don Moye, Dusko Gojkovic, Maurizio Giammarco, Ettore Fioravanti, Jerry Popolo, Daniele Scannapieco, Giovanni Amato, solo per citarne alcuni. Feola è una nuova promessa della batteria jazz nostrana. Il suo incandescente drumming affonda le radici nel latin jazz afrocubano. Dunque, ci sono tutte le premesse per assistere a un live spumeggiante, ideato e organizzato dall’associazione Jazz e Libertà, a cura di un quartetto che sprizza energia da tutti i pori.

Stefano Dentice