L’Ah-Um Milano Jazz Festival celebra l’International Jazz Day 2015

Vota questo articolo
(1 Vota)
L’Ah-Um Milano Jazz Festival celebra l’International Jazz Day 2015 - 5.0 out of 5 based on 1 vote

L’Ah-Um Milano Jazz Festival celebra l’International Jazz Day 2015

Giovedì 30 aprile, dalle ore 21:00, presso l’Auditorium Comunale di Settimo Milanese

Giovedì 30 aprile, a partire dalle 21.00, si accenderanno i riflettori sull’Auditorium Comunale di Settimo Milanese, importante location scelta ad hoc per celebrare l’International Jazz Day 2015, significativo evento di portata mondiale. L’Ah-Um Jazz Festival presenterà un’ anteprima d’eccezione della sua XIII edizione, che si svolgerà a Milano, nel quartiere Isola, dal 9 al 24 maggio. Illustri gli ospiti che calcheranno il palco dell’auditorium. Guido Bombardieri (clarinetti) e Fausto Beccalossi (fisarmonica) proporranno un fascinoso e cangiante repertorio che si avviluppa attorno al tango argentino, ai brani popolari e agli standard jazz più rappresentativi. Successivamente, il chitarrista Greg Lamy e il contrabbassista Gautier Laurent, all’insegna di un fremente interplay, presenteranno un dialogo a due su “note cesellate a mano”. Il duo ospiterà il sopraffino cantautore Marco Massa. Bombardieri è un clarinettista e sassofonista assai poliedrico, dal suono vellutato e penetrante congiuntamente a un fraseggio sussultante e nitido. Grazie alle sue indubbie qualità artistiche ha modo di collaborare con numerosi musicisti di statura internazionale, tra cui: Mike Melillo, Luis Agudo, Franco Ambrosetti, Enrico Rava, Franco D’Andrea, Giorgio Gaslini, Paolo Fresu, Marco Tamburini, Gianluigi Trovesi, Ares Tavolazzi. Il playing di Beccalossi è caratterizzato da un ardente lirismo e da una cantabilità raffinatamente narrativa. Nel corso della sua brillante carriera ha l’opportunità di condividere palco e studio di registrazione con svariati e prestigiosi musicisti, come: Kenny Wheeler, Al Di Meola, Gonzalo Rubalcaba, Lito Epumer, Sandro Gibellini, Enzo Pietropaoli, Maria Pia De Vito, solo per citarne alcuni. Lamy è un chitarrista statunitense dotato di un suono etereo e di un fraseggio fortemente evocativo. Nel suo ricco curriculum figurano alcune collaborazioni di prestigio con musicisti del calibro di Lionel Loueke, Joshua Davis, Peter Bernstein, Ferenc Nemeth, Javier Vercher e tantissimi altri ancora. Contrabbassista francese dal timing puntuale e incalzante, Laurent annovera un palmares zeppo di collaborazioni con musicisti di caratura mondiale, tra cui: Tchavolo Schmitt, Bireli Lagrene, Randy Brecker, Murat Ozturk, Jukka Perko, Oliver Strauch. Dunque, un evento dall’alto contenuto artistico al quale tutti i fruitori della buona e vera musica sono calorosamente invitati a partecipare.

Stefano Dentice

 

http://www.ahumjazzfestival.com/